tatuaggio piede
Credit foto: stock.adobe.com/o_lypa

Un nuovo studio dell’Università di Wilfrid Laurier sta cercando di creare un collegamento tra le persone con tatuaggi e una condizione di maggiore impulsività.

I ricercatori del dipartimento di economia e di psicologia dell’istituto hanno infatti collaborato per comprendere se le persone che hanno tatuaggi – in particolare quelli più difficili da celare e, dunque, più visibili – siano anche quelle che prendono decisioni più impulsive in vari aspetti della loro vita.

Secondo i dati riconducibili al territorio statunitense, 1 adulto su 5 ha almeno un tatuaggio. I dati del Pew Research Centre mostrano che all’epoca del loro studio, nel 2008, il 40% dei Gen Xers, nati tra il 1965 e il 1985, aveva un tatuaggio.

Non stiamo cercando di capire se i tatuaggi sono giusti o sbagliati o buoni o cattivi“, ha detto la professoressa di psicologia Anne Wilson in un comunicato stampa. Piuttosto, ha precisato, il team di studiosi era interessato a vedere se gli individui che hanno fatto modifiche permanenti del corpo, come un tatuaggio, condividevano opinioni comuni sul futuro.

La teoria è stata testata attraverso un sondaggio online su 1.000 persone che si erano registrate presso Amazon Mechanical Turk – un mercato del lavoro on-demand che “richiede intelligenza umana” per compiti non adatti ai computer, come la trascrizione di registrazioni audio.

Ai partecipanti sono state poste una serie di domande relative alla ricezione di denaro ora, o più tardi. Se avessero preso il denaro immediatamente, avrebbero ricevuto 1 dollaro, ritardando il pagamento di tre settimane e ottenendo fino a 2,50 dollari. Alle persone è stato chiesto più volte se volevano riconsiderare il pagamento ritardato, con un aumento graduale dell’importo fino a 2,50 dollari.

Ruffle e Wilson hanno trovato un modello distinto – le persone senza tatuaggi sono passate all’opzione di pagamento ritardato molto prima delle persone con tatuaggi visibili. Le persone con tatuaggi facilmente nascosti erano nel mezzo“, ha detto il comunicato.

Ai partecipanti sono state poste anche una serie di domande per testare l’impulsività in altre parti della loro vita: i risparmi per la pensione, come condividono le informazioni personali sui social media e il fumo.

Quelli con tatuaggi visibili sono stati trovati più orientati al presente rispetto a quelli non tatuati, mentre quelli con tatuaggi prontamente nascosti rappresentavano un caso intermedio“, ha detto il comunicato. Wilson e Ruffle hanno trovato modelli simili, nel complesso, per uomini e donne: in generale, uomini e donne con tatuaggi visibili erano più impulsivi di quelli senza.

La differenziazione sul genere nasce invece per i tatuaggi facili da nascondere. Gli uomini con tatuaggi facili da nascondere erano infatti più impulsivi di quelli senza, ma lo stesso non è stato trovato per le loro controparti femminili. “Le donne con tatuaggi facilmente nascosti non erano più impulsive delle donne senza tatuaggi“, ha detto il comunicato.

I ricercatori hanno indicato questa come una distinzione interessante, considerato che le donne hanno più probabilità di avere tatuaggi rispetto agli uomini. Anche se la loro ricerca non ha approfondito il motivo per cui questa differenza esiste Wilson ipotizza che possa derivare dal fatto che è più socialmente accettato che le donne adornino fisicamente i loro corpi e i loro volti. “Inoltre, le ricerche in altri settori indicano che le donne in media sono più lungimiranti e meno inclini a correre rischi“, ha detto Wilson.