Il tatuaggio pizzica? I campanelli d’allarme a cui prestare attenzione

Dopo aver fatto un tatuaggio i dubbi iniziano a sorgere su ogni cosa, qualche domanda ci passa per la testa e a volte facciamo fatica a trovare una spiegazione, o peggio ancora ce la inventiamo senza sapere la realtà dei fatti.

Fare un tatuaggio, come abbiamo visto più volte, richiede una grande attenzione, soprattutto dopo che lo abbiamo fatto. Rischi e possibili problematiche a volte sono le prime cose al quale si pensa. Quando questo succede, basta contattare il proprio tatuatore o la propria tatuatrice e chiedere informazioni.

tatuaggi gonfiore
Prurito e gonfiore sul tatuaggio? Niente paura, è più comune di quanto pensi (credit Canva.com)

Nonostante ciò, è bene anche avere qualche informazione in più su cosa succede ai tatuaggi, alla nostra pelle e perchè, in modo da poter stare tranquilli e magari evitare di allarmarci più del dovuto, o ,al contrario, preoccuparci qualora fosse necessario farlo.

Le domande che vengono fatte più spesso ai tatuatori a volte possono sembrare scontate o dettate dall’ inesperienza del cliente, ma in realtà sono sempre un motivo in più per avere spiegazioni o maggiori informazioni sui tatuaggi e sapere sempre qualcosa di utile in più. Qualsiasi preoccupazione passi per la mente, non bisogna mettersi alcun problema di affrontare l’ argomento con chi può dare una valida risposta alle vostre domande.

Prurito e gonfiore del tatuaggio

Le domande comuni che vengono poste ai tatuatori sono molteplici e per ognuna è bene che venga data una risposta. Una delle domande più richieste riguarda un problema comune. Che sia per curiosità o semplicemente  quando ci si trova in dubbio e preoccupati, è : come mai il mio tatuaggio è gonfio?

tatuaggi gonfi
Quando il tatuaggio è gonfio anche se guarito è bene applicare delle creme idratanti e/o degli oli per la pelle per farla sgonfiare (credit Canva.com)

Questo fenomeno può presentarsi sia prima che dopo la guarigione di un tatuaggio, anche a distanza di tempo. Ci si accorge di questo fatto quando le linee del tatuaggio, al tatto appaiono improvvisamente come se fossero più grosse, in rilievo. Come riportato anche da gigiztattoo.it, ciò spesso è dovuto soprattutto al cambio di temperatura o della pressione sanguigna, come quando ci sono temperature molto calde. La pelle in questi casi reagisce irritandosi e quindi facendo “gonfiare” l’ area tatuata.

Di conseguenza, non c’è alcun bisogno di allarmarsi, è fastidioso ma il problema passerà da sè. Lo stesso potrebbe accadere nel caso in cui si sentisse prurito sul tatuaggio guarito, la pelle venendo sfregata tanto, potrebbe presentare piccoli rigonfiamenti su tutto il tatuaggio o anche solo parzialmente. Anche per il prurito, la causa potrebbe essere il cambio di temperatura o la pressione, Per risolvere il problema dei gonfiori, basterà applicare una crema idratante o un olio per la pelle, in modo da lenire gonfiore e/o prurito e trovare sollievo. In questo modo il gonfiore sparirà nel tempo che i prodotti faranno effetto.

Se invece il gonfiore dovesse presentarsi mentre il tatuaggio è ancora in fase di guarigione, e dovesse arrossarsi o prudere, sarà meglio avvisare subito il tatuatore o la tatuatrice per un controllo e un dermatologo, perchè potrebbe esserci la possibilità che il tatuaggio abbia preso infezione. E’ importante fare attenzione che il tatuaggio non rimanga gonfio troppo a lungo, perchè oltre all’ infezione potrebbe trattarsi di allergia.

Impostazioni privacy