Ti sei appena fatto il tatuaggio che hai sempre voluto? Ebbene, oltre a gioire per questo risultato, c’è una cosa che devi sapere: devi prendertene attentamente cura per essere sicuro di non contrarre un’infezione della pelle. Ma come fai a sapere quali sono i passi giusti? Dovresti fidarti del tatuatore? O è meglio domandare a un dermatologo?

In realtà, nella maggior parte dei casi sarà sufficiente seguire le indicazioni del tatuatore per non incorrere in alcun problema. Se tuttavia ci sono dei dubbi, qualcosa non ti torna o non ti è chiaro, o hai qualche sintomo particolarmente anomalo che non ti era stato ipotizzato, meglio ricorrere a un medico dermatologo.

Come curare il nuovo tatuaggio

La prima cosa che bisogna fare quando ci si è fatti un nuovo tatuaggio, è assicurarsi che il tattoo sia ricoperto con un sottile strato di gelatina e con una benda. La benda va generalmente tolta dopo circa 24 ore, cui seguirà una fase di lavaggio delicato del tatuaggio con acqua e sapone antimicrobico. Bisognerà poi asciugare la zona facendo attenzione a non strofinare.

Fatto ciò, bene procedere con l’applicazione di uno strato di unguento antibatterico due volte al giorno, senza porre altro bendaggio. Lavare quindi delicatamente la zona del tatuaggio più volte al giorno con acqua e sapone antimicrobico, e ricordarsi di tamponare delicatamente.

Continua quindi ad applicare una crema idratante o unguento dopo averla pulita per mantenere la zona umida.

Ripeti questo processo per 2 o 4 settimane e cerca di non indossare abiti che si attacchino al tatuaggio. Evita anche di nuotare e di prendere il sole per circa 2 settimane. Fai frequenti docce fresche, evitando l’acqua calda bollente: non solo farà male, ma potrà anche sbiadire l’inchiostro del tuo nuovo lavoro.

Se poi noti che il tuo tatuaggio sembra rovinarsi o sbucciarsi, non preoccuparti. Non cercare di togliere la pellicina, non sbucciarlo e non grattarlo. Così facendo, infatti, potresti contrarre un’infezione o rimuovere il colore. Se pensi che il tuo tatuaggio sia infetto o che non stia guarendo correttamente, vai dal tuo medico.