Uno dei motivi per cui molte persone decidono di non farsi un tatuaggio è legato alla paura del dolore che devono affrontare quando ne realizzano uno dal proprio tatuatore di fiducia.

Ma quali sono i luoghi più dolorosi dove farsi un tatuaggio?

Ne abbiamo selezionati 10… per i meno coraggiosi!

Tatuaggi in testa

Anche se ognuno ha diverse soglie di dolore per i vari punti del corpo in cui è possibile farsi un tatuaggio, la testa è universalmente nota per essere il luogo più doloroso per tatuarsi, per molte persone.

Come altre aree che sono note per essere particolarmente dolorose per i tatuaggi, la testa ha un basso contenuto di grassi, muscoli e pelle. Per questo motivo, c’è un piccolissimo strato protettivo tra l’ago dell’artista e il cranio del cliente!

I tatuaggi nelle zone in cui l’artista lavora vicino all’osso, come il cranio, tendono ad essere piuttosto dolorose. Inoltre, la divisione oftalmica del nervo trigemino è un nervo sulla testa che trasmette informazioni sensoriali dal cuoio capelluto e dalla fronte al cervello. Poiché il nervo trigemino si trova sulla testa, questa zona è particolarmente sensibile al tatuaggio. Infine, molti sostengono che la parte più dolorosa di farsi tatuare la testa non è in realtà il dolore fisico. Invece, gran parte del dolore è mentale, poiché le vibrazioni e i rumori che la testa sente quando si fa un tatuaggio sulla testa diventano spesso innegabilmente insopportabili.

Tatuaggi sul viso

Proprio come la testa, anche il viso è una zona particolarmente dolorosa da tatuare. A causa della vicinanza della pelle all’osso e dell’alta densità di nervi nella zona, la macchinetta con cui il tatuatore procede con il suo lavoro potrebbe causare gravi dolori, soprattutto alla fronte e al ponte del naso. Inoltre, il riverbero della macchina può causare un disagio mentale che rende la situazione difficile da sostenere psicologicamente.

Tatuaggi sui piedi

Il piede è sicuramente tra i dieci posti più dolorosi per tatuarsi. Il piede ha infatti un contenuto di grassi e di muscoli molto basso e una barriera cutanea più sottile. L’ago del tatuatore opera vicino all’osso, rendendo il piede piuttosto doloroso quando viene tatuato.

Un’altra ragione per cui il piede è un posto doloroso per farsi un tatuaggio è che la pelle del piede non “prende” bene l’inchiostro così come altre parti del corpo. Poiché l’inchiostro non si attacca efficacemente alla pelle, l’artista può a volte essere costretto a ripassare il disegno su carne esposta su una zona già sensibile.

Tatuaggi sulla caviglia

Le caviglie sono coperte da un sottilissimo strato di pelle che rende difficile per un artista applicare l’inchiostro. Ovviamente, la caviglia è anche un’area ossea per molte persone, il che aumenta la sensibilità di questa parte del corpo. Può essere molto doloroso!

Tatuaggi sulla mano

Come i piedi, anche le mani sono notoriamente dolorose quando si tratta di tatuaggi, poiché, come tutti gli altri punti che abbiamo indicato, la zona è a basso contenuto di grassi, muscoli e pelle. Inoltre, poiché è necessario che le mani e le dita siano più sensibili alla sensazione del tatto, ci sono molte terminazioni nervose. Le dita e i palmi delle mani tendono ad essere la zona del corpo più dolorosa da tatuare sulle mani, e dato che entrambe le zone sono molto usate, i tatuatori potrebbero dover fare dei ritocchi in futuro.

Tatuaggi sulla gabbia toracica

Allontanandosi dalle estremità ed avvicinandoci al centro del corpo, la gabbia toracica si rivela sicuramente un luogo attraente da tatuare ma… anche una zona da evitare se non vuoi davvero mettere alla prova la tua tolleranza al dolore!

Proprio come per le altre parti del corpo, quando si tatuano queste zone, si presentano problemi che coinvolgono il basso contenuto di grassi, i muscoli, la pelle e la vicinanza all’osso. Oltre a condividere molte delle altre caratteristiche che rendono doloroso un tatuaggio, la zona della gabbia toracica ha anche un’elevata quantità di nervi. C’è anche un’ulteriore difficoltà per l’artista, poiché questa zona sperimenterà il movimento mentre respira. La combinazione di queste caratteristiche uniche rende la gabbia toracica uno dei dieci posti più dolorosi per tatuarsi.

Tatuaggi sullo sterno

Lo sterno agisce, sotto molti aspetti, in maniera simile alla gabbia toracica in termini di dolorosità. C’è l’aspetto di avere una bassa quantità di grasso sulla zona, dell’osso sporgente, della grande quantità di nervi, e del movimento dovuto alla respirazione. Insomma, non proprio l’ideale!

Tatuaggi sul gomito

Il gomito può essere una scelta un po’ azzardata. Alcune persone provano molto dolore, ma altre non sono d’accordo. Ci sono alcune cose che fanno pensare che questa zona sia molto dolorosa, e difficile da guarire poiché c’è l’articolazione che permette al braccio di muoversi comprimendo ed espandendo la pelle, stressando la ferita. Inoltre, ricordiamo che la pelle del gomito è sottile, e che dunque l’ago sarà molto vicino all’osso. È insomma un’area potenzialmente molto dolorosa.

Tatuaggi sui glutei

Anche se i glutei hanno un adeguato strato di grasso, muscoli e imbottitura della pelle, è un fenomeno ben noto che i tatuaggi in questa zona sono piuttosto dolorosi. Ciò è dovuto al fatto che ci sono circa 2500 terminazioni nervose in ogni gluteo. Tuttavia, non sono solo tutte quelle terminazioni nervose a causare dolore… il processo di guarigione può essere molto difficile poiché, ovviamente, questa è un’area che si usa spesso!

Tatuaggi sull’interno coscia

Anche se l’interno coscia non ha le stesse caratteristiche delle altre parti del corpo, farsi un tatuaggio in questo può essere molto doloroso perché la pelle in questa zona tende ad essere molto sensibile. Inoltre, è una zona che tende a causare attrito con i vestiti (pantaloni, biancheria intima, ecc.) causando una guarigione più lunga e fastidiosa. Infine, ricordiamo come si tratti di una zona piuttosto intima, e che molte persone provano un certo disagio mentale mentre si fanno tatuare qui.