Un tatuatore del Kentucky è diventato improvvisamente noto in tutto il mondo perché sta offrendo appuntamenti gratuiti a chiunque voglia coprire i propri tatuaggi che ritraggono simboli negativi, come quelli incitanti all’odio o a gang criminali.

Lo studio condotto dagli artist Jeremiah Swift e Ryun King della Gallery X Art Collective di Murray hanno infatti dichiarato di aver deciso di offrire questo servizio come un modo attivo per prendere posizione nel movimento Black Lives Matter, in un clima di proteste che chiedono la fine della brutalità della polizia e dell’ingiustizia razziale.

“E’ sicuramente un cambiamento atteso da tempo“, ha detto King alla CNN. “Avere qualcosa a che fare con l’odio è del tutto inaccettabile. Molte persone, quando erano più giovani, non sapevano fare di meglio e si sono ritrovate con degli errori sul corpo. Vogliamo solo assicurarci che tutti abbiano la possibilità di cambiare”.

Da quando due settimane fa ha postato su Facebook questi appuntamenti gratuiti, il negozio ha già ricevuto oltre 30 richieste che, secondo Swift, continuano ad aumentare giorno dopo giorno.

Una delle persone che abbiamo ricevuto era un uomo con entrambi gli avambracci completamente coperti di simboli di odio, assolutamente ovunque. Come interagirà quest’uomo con la società con gli errori che ha commesso 10, 15, 20 anni fa?” – ha detto poi King.

Abbiamo anche un uomo con una svastica gigante che ha detto di non essersi mai tolto la camicia davanti ai suoi figli. Mi piace vederlo. Mi piace vedere che la gente vuole cambiare in meglio. Questo mi gonfia di emozioni” – ha poi proseguito.

Gli artisti hanno detto che copriranno i tatuaggi di chiunque, anche se è di un altro Stato, e offriranno numerosi disegni tra cui scegliere.

La prima cliente di King è stata Jennifer Tucker, una madre di due figli, di 36 anni che voleva coprire una piccola bandiera confederata che si era tatuata sulla caviglia quando aveva 18 anni. “Sono andata in una scuola dove non c’era neanche un nero“, ha detto Tucker alla CNN. “La nostra comunità non aveva famiglie di neri, le scacciavano letteralmente ogni volta che ne arrivava una. Tutti nella mia scuola sventolavano bandiere ribelli e avevano tatuaggi con bandiere ribelli, e io mi sono fatta il tatuaggio. Era una cosa orribile da fare” – ha confessato la donna.

Dopo il liceo, Tucker si è trasferita a Paducah, nel Kentucky, dove è stata coinvolta in vari movimenti di solidarietà e proteste pacifiche volte a unire la comunità e a combattere l’ingiustizia razziale contro i neri.

Un amico di Tucker le ha inviato un post su Facebook del negozio di tatuaggi, offrendo le coperture gratuite, e lei ha immediatamente inviato un messaggio al negozio chiedendo un appuntamento. “Avevo solo bisogno di togliermi quel simbolo di odio dal corpo. Ogni volta che partecipo a una riunione di gruppo o a una protesta, mi faccio una nuova amica. E non voglio stare accanto a loro con una bandiera confederata sulla gamba“, ha detto Tucker.

È così incredibile che la vita cambia. Sapevo di doverlo fare, per essere un esempio per altre persone che si trovavano nella stessa posizione. Non c’è molto che io possa fare, ma questo è qualcosa che posso fare per diffondere l’amore, non l’odio”. Grazie al loro aiuto, Tucker ha detto di essere finalmente pronta a chiudere il capitolo della sua vecchia vita e a cominciare a guardare a nuovi giorni pieni d’amore e di gentilezza.