Non tutti sono a conoscenza del discusso tatuaggio dell’ex pugile sul volto. Ma, a chiarire una volta per tutte le genesi che ha condotto Mike Tyson al celebre tatuaggio tribunale sul viso è il suo ex allenatore, che ha discusso (anche) di ciò durante una recente intervista. E, peraltro, la spiegazione ha fatto parecchio discutere. L’ex allenatore di Mike Tyson, John Fenech, ha infatti dichiarato che la leggenda dei pesi massimi ha scelto di realizzarsi il famigerato tatuaggio tribale sul volto per evitare di combattere, sul finire della sua carriera.

Tyson, 53 anni, è considerato uno dei più grandi pesi massimi della storia della boxe: è diventato il primo peso massimo a detenere le cinture WBA, WBC e IBF. Non solo: pe il suo carattere e alcune sue dichiarazioni, è diventato un personaggio anche al di là del ring, legando il suo  nome alla storia di questo sport.

Secondo quanto ricostruisce ora il suo ex allenatore, alla fine della sua carriera, dopo essere stato fermato da Lennox Lewis nel 2002, Tyson aveva in programma di combattere contro il connazionale Clifford Etienne nel febbraio 2003. Tuttavia, pochi giorni prima dell’incontro, ha deciso di tatuarsi a Las Vegas e, poco dopo, si è ritirato dall’incontro.

Jeff Fenech ha ammesso di essere rimasto sbalordito quando Tyson ha saltato l’allenamento per farsi il tatuaggio, oltre che amaramente deluso del fatto che l’ex campione abbia poi deciso di ritirarsi dall’incontro.

La mia prima impressione è stata che avremmo combattuto in una settimana, ma quando ti fai un tatuaggio non puoi combattere perché si rovina e potrebbe essere pericoloso farlo“, ha detto Fenech a Fox Sports. “Ci siamo seduti e abbiamo parlato e lui non voleva davvero combattere e non era preparato a farlo, e questo è stato uno dei motivi per cui si è fatto il tatuaggio. Dopo una bella chiacchierata di un’ora ero in lacrime quando sono uscito di casa quella sera. Sono rimasto in albergo perché ero piuttosto avvilito”.

Sono stato via da casa per otto settimane a Las Vegas per prepararlo al combattimento e sono rimasto in un hotel e ho preso il primo volo per tornare dalla mia famiglia perché quella era la mia priorità” – ha poi aggiunto ancora Fenech.

L’incontro è stato rapidamente riprogrammato per la settimana successiva e Tyson ha vinto per K.O., ma senza gli allenamenti di Fenech “Una settimana dopo ha combattuto e messo Clifford al tappeto in un round e io ero sconvolto“, ha poi dichiarato l’allenatore. “Ero felice per Mike che avesse vinto, ma ero anche arrabbiato perché l’avevo allenato per otto settimane e non ho partecipato a quella vittoria”.

Tyson avrebbe combattuto altre due volte nella sua carriera di pugile professionista, perdendo contro il britannico Danny Williams e l’irlandese Kevin McBride.