Come ben sanno tutti i nostri lettori, i tatuaggi non sono certamente una novità degli ultimi anni! Tuttavia, anche se rappresentano un mondo oramai consolidato, stanno prendendo piede diverse novità che potrebbero conquistare i favori di molte persone, come i tatuaggi con le onde sonore o i tatuaggi audio. Ma di che cosa i tratta?

Il magazine Daily Pioneer ne ha parlato  con Lokesh Verma, fondatore della Devilz Tattoos, che ha scelto di far diventare realtà questa innovazione.

Si tratta di una nuova tecnologia nel nostro Paese (l’India, ndr). L’industria dei tatuaggi è stata statica per tanti anni senza alcuna invenzione, ma ora con questi tatuaggi dinamici ad onde sonore facciamo un passo avanti. Quello che intendiamo con questo, è che si può sentire un suono dal tatuaggio, non è più il semplice tatuaggio statico“, afferma Verma, che è effettivamente il primo (forse l’unico) in India, ad aver adattato questa tecnologia ben più  diffusa altrove e, soprattutto, negli Stati Uniti.

Questa tecnica era di moda negli Stati Uniti due anni fa. Tuttavia, è passato solo un anno da quando ho portato qui il concetto. All’inizio non c’erano molti acquirenti. Ma lentamente ha attirato l’attenzione della gente. E negli ultimi mesi questa tecnologia è stata riconosciuta dalla gente e sempre più persone la stanno apprezzando. Fino ad oggi abbiamo tatuato circa 80 persone con tatuaggi a onde sonore” – ” – prosegue Verma.

Per quanto possa sembrare complicato, il processo è abbastanza semplice. Al cliente viene chiesto di registrare un filmato sonoro di cinque o 30 secondi di tutto ciò che vuole conservare sulla propria pelle. Potrebbe essere il primo pianto del proprio bambino o la voce del proprio cane o anche un messaggio dei cari che non ci sono più. Quindi, si crea un’onda sonora con vari software e… la si mette su carta.

Una volta creata l’immagine dell’onda sonora, ne viene prodotta una stampa e la si riproduce sul corpo del cliente, linea per linea. Una volta inchiostrata, carichiamo l’immagine dell’onda sonora sul nostro sito web. Le persone possono scannerizzarla utilizzando l’applicazione dell’onda sonora sul proprio cellulare e ascoltare il messaggio audio in essa contenuto tutte le volte che vogliono. È proprio come il modo in cui funzionano i codici QR, si scansiona qualcosa e questo ti reindirizza verso un altro sito“, afferma.

Un anno ffa, quando Verma è venuto a conoscenza di questa tecnologia, ha deciso di volerne sapere di più.

Cerco sempre di portare qualcosa di nuovo sul campo. Quando sono venuto a conoscenza di questo, ho capito che si tratta di qualcosa che devo portare nel mio Paese. Ho iniziato a fare le mie ricerche e ho letto molto a riguardo. Sapevo che una tecnologia di questo tipo avrebbe richiesto una grande specializzazione. Prima di realizzare l’idea, ho fatto molte prove per vedere come avrebbe funzionato. Ho usato dei tamponi di pelle per testarla e solo quando abbiamo avuto successo ho deciso di farlo sulle persone” – dichiara ancora Verma.

Come ogni altra persona che entra in acque inesplorate, anche Verma era preoccupato per l’idea. “Inizialmente, ero un po’ preoccupato di introdurre il concetto perché le linee dell’onda sonora sono intricate. Non c’è spazio per il minimo errore in questi tatuaggi. Se una singola linea non è fatta correttamente perché l’artista è inesperto, l’onda sonora diventa storta e il tatuaggio non funziona. Questo richiede una specializzazione nel lavoro di linea e l’artista dovrebbe avere mani ferme per disegnare le linee. Non è come i soliti tatuaggi dove se qualcosa va storto, si può solo ombreggiare e riparare. Ogni singola linea dell’onda sonora deve essere precisa“, dice.

Ci sono  tanti motivi per cui la gente sceglie questi tatuaggi. “Si è in grado di tenere i propri cari vicino a sé e di sentire la loro voce anche se sono a centinaia di chilometri di distanza. Mia moglie si è fatta tatuare la voce del nostro bambino quando aveva due anni. Non le sono mai interessati i tatuaggi, ma questa era una cosa a cui non poteva resistere“, racconta ancora.