Instagram ha rivoluzionato il modo in cui i tatuatori fanno sviluppare la propria attività, affidandosi al social network di proprietà di Facebook per mostrare il loro lavoro e per costruirsi una migliore reputazione tra i potenziali clienti. Tant’è che, oggi, molti artisti del tatuaggio stimano che oltre il 70% dei loro clienti, se non di più, provenga dall’applicazione per la condivisione delle foto più gettonata del mondo.

È anche vero, però, che gli artisti del tattoo si lamentano del fatto che Instagram riduca il tempo speso per tatuare, e rende possibile agli artisti esperti di tecnologia di occupare un miglior posizionamento rispetto a coloro che non passano tutto il loro tempo (o buona parte di esso) a ottimizzare gli algoritmi dell’app.

Ha parlato di tutto ciò Cnbc in un recente approfondimento. Abbiamo cercato di estrapolare gli spunti più interessanti.

L’emozione del tatuaggio

Jason Elliott non aveva mai avuto tanta paura di fare un tatuaggio come nel dicembre 2018, quando un cliente gli chiese di tatuare un mandala gigante nero sul lato del suo viso. Il tatuatore texano era esitante, ma alla fine è andato avanti con il suo lavoro e, nove ore e mezza dopo, fu pubblicato su Instagram.

Quel tatuaggio è stato replicato 65 volte. Solo con quel tatuaggio ho ottenuto 6.000 follower in più”, ha detto Elliott, specializzato in tatuaggi astratti surreali e con 50.000 follower all’attivo su Instagram. “Non mi ero reso conto che non fosse mai stato fatto così prima”.

Instagram ha rivoluzionato il modo in cui i tatuatori fanno crescere la loro attività. In passato, gli artisti dovevano essere presenti nelle riviste di tatuaggi o nei programmi televisivi o avere la fortuna di servire un cliente famoso in modo da poter cogliere la loro grande occasione. Dovevano uscire e promuoversi di persona, comparire su un articolo di quotidiano nazionale o locale o semplicemente sperare che qualcuno entrasse nel loro negozio.

Ora, il social network di proprietà di Facebook li aiuta a mostrare il loro lavoro e a costruire la loro reputazione. Nel migliore dei casi, un buon post su Instagram può catturare molti più clienti di quanto in passato non fosse possibile fare con altre veicoli promozionali.

Instagram ha cambiato totalmente la comunità dei tatuatori“, ha detto Laura Martinez, un’artista di Brooklyn che ha iniziato a tatuarsi dopo che i suoi seguaci di Instagram hanno iniziato a chiederle di trasformare i suoi disegni in tatuaggi. Ora, Martinez ha quasi 75.000 follower. “È un portfolio online per ogni artista, e mi ha permesso di far vedere il mio lavoro a livello internazionale”.

Keith “Bang Bang Bang” McCurdy, proprietario dei negozi di tatuaggi Bang Bang New York, ha detto che secondo le sue stime almeno il 90% dei clienti dei suoi negozi proviene da Instagram.

Il noto artista ha tatuato celebrità come Rihanna, Justin Bieber e Cara Delevigne e dichiara che “dovrei immaginare che quasi tutti quelli che tatuiamo ci seguono su Instagram, che è davvero un’ottima piattaforma per mostrare non solo quello che qualcuno fa bene, ma anche la costanza con cui lo fa”.

In viaggio per il mondo con Instagram

Corina Weikl, una tatuatrice austriaca che si fa chiamare “Trudy Lines“, ha addirittura utilizzato Instagram per girare il mondo. Ma come?

È piuttosto semplice. Weikl sceglieva una città che voleva visitare, pubblicava i suoi ultimi lavori e usava gli hashtag dei tatuaggi che erano popolari in quei luoghi. Era così in grado di programmare il proprio calendario con i clienti e prenotare dei luoghi in cui esercitare la propria attività, generalmente in laboratori di tatuaggi piuttosto ospitali, in Australia, Fiji, Costa Rica e Perù. Quindi, il successo, e l’ottenimento di un lavoro permanente a New York con Bang Bang.

Gli artisti del tatuaggio possono anche utilizzare gli strumenti pubblicitari di Instagram per rivolgersi ai potenziali clienti. Elliott ha detto di adottare questo approccio quando ha un pezzo di cui è orgoglioso e pensa che più persone dovrebbero vederlo. In un caso, uno dei suoi tatuaggi ha avuto quattro volte più visualizzazioni e commenti dopo averlo pubblicato come advertising. “All’inizio ero molto scettico al riguardo, perché pensavo: ‘Non lo so’. Sto pagando per far uscire qualcosa”, ha detto Elliott. “Ma ho notato che ogni volta che lo facevo erano persone reali che interagivano con esso”.

L’impegno di seguire il proprio profilo

Ad ogni modo, questa grande utilità non è certo gratis. La maggior parte degli artisti che hanno parlato con la Cnbc ha infatti affermato di passare almeno un’ora al giorno sul social network e di pubblicare diversi tatuaggi sulle loro pagine, ogni settimana.

Inoltre, sebbene alcuni artisti usano semplicemente il proprio smartphone per scattare foto, altri hanno investito in attrezzature e stanno anche seguendo corsi per perfezionare la loro tecnica.

Daniel Bidolski Prandi, un artista che si fa chiamare “Daniel il giardiniere”, ha detto di aver seguito un corso di fotografia per capire come funziona l’illuminazione e come scattare foto migliori. Da allora, Prandi ha stabilito uno stile per presentare i suoi tatuaggi a mano libera, e usa l’applicazione Adobe Lightroom per assicurarsi che ogni foto sia uniforme. Pianifica una settimana in anticipo per cronometrare i suoi post in modo da rendere il suo feed il più interessante possibile.

I tatuatori si affidano anche alla funzione delle Storie di Instagram per dare ai seguaci diversi frammenti sul processo di tatuaggio e una finestra sulla loro personalità.

Mi piace che la gente conosca anche una piccola parte di me, e non solo i miei tatuaggi“, ha detto Martinez, che su Instagram si fa chiamare “Nothingwild”. “Mantengo ancora la mia vita personale piuttosto privata, penso solo che sia bello che le persone vedano anche la mia personalità”.

Il lato negativo

Ma i tatuatori si lamentano anche dell’impatto che Instagram ha avuto sul loro mestiere.

Instagram crea un’atmosfera in cui ci si aspetta che gli artisti siano costantemente innovativi. Sebbene alcuni artisti sostengono che la comunità dei tatuatori di Instagram li spinge a creare tatuaggi migliori, crea anche un ritmo insostenibile che può logorarli – ha dichiarato Havva Karabudak, un artista di Brooklyn che fa tatuaggi a colori su linee sottili.

Si rischia la salute mentale se si tiene il passo con la “concorrenza” della piattaforma”, ha detto Karabudak, che si fa chiamare “Eva Krbdk” su Instagram. Una delle principali lamentele è che Instagram riduce il tempo speso per tatuare, e rende possibile agli artisti esperti di tecnologia di eclissare quelli che non passano il tempo a ottimizzare gli algoritmi dell’app.

Altri artisti si lamentano che Instagram provoca una serie di disservizi ai clienti. Ad esempio, le pagine di Instagram della maggior parte degli artisti fanno poco per dimostrare quanto siano attenti a lavorare in ambienti sicuri e igienici. Instagram può anche nascondere quanto il fotoritocco di un artista abbia fatto ai loro tatuaggi e creare aspettative irrealistiche per i clienti.