Anche se molto spesso i giovani scelgono di tatuarsi l’immagine delle Valchirie per la bellezza e per la raffinatezza di questo design, in realtà sarebbe opportuno cercare di approfondire le sue origini, considerato che non tutti sanno che è un elemento di origine remota nel tempo.

Il disegno della Valchiria può infatti trasmettere quelle sono le qualità principali per diventare dei veri guerrieri: onore, saggezza, generosità, giustizia. E così, il simbolo della Valchiria può essere un invito a prendersi cura dello spirito dei soldati, ma non solo: la Valchiria non porta con sé solo il significato della pace, poiché rappresenta il diritto alla protezione della propria terra.

In ogni caso la Valchiria come tatuaggio ha un valore di militanza e di forza, trasmesso dai miti  nordici che la descrivono come bella e coraggiosa, in grado di onorare i soldati che hanno combattuto per la loro terra e la loro fede. Le Valchirie erano d’altronde al seguito del dio Odino, e avevano tra i compiti quello di portare con sé le anime dei guerrieri morti, verso il suo castello, dove attendevano il dio durante una festa. Nella mitologia le Valchirie sono altresì state amanti dei grandi guerrieri, come Velenda, Siegfried, Helga.

Prendendo spunto da quanto sopra, ne deriva che l’immagine delle Valchirie è particolarmente forte e significativa nei  miti nordici. Alcune leggende sostengono peraltro che le Valchirie fossero dei provetti cavalieri, e che riuscissero a saltar fuori dalle nuvole, con un volo che ha finito per il diffondere il ritratto di donne a cavallo con le ali.

Chiarito quanto sopra, il mondo ha imparato a conoscere la Valchiria grazie soprattutto ai miti e alle leggende scandinave, e a diverse opere d’arte (soprattutto, letterarie) che ne hanno dipinto di ulteriore fascino i contorni. Per i miti anglosassoni, infine, le Valchirie proverrebbero da famiglie nobili, e sarebbero elette dagli dei. Per altri miti invece le Valchirie erano vergini discendenti dagli elfi.

Tra i simboli più tatuati, soprattutto tra le ragazze, c’è quella della Valchiria Siegfried, protagonista di un canto dei Nibelunghi, la nota epica tedesca. In una parte di questa opera si descrive il comportamento di tale Valchiria, che osò andare contro la volontà del dio Odino. Per questo motivo la Valchiria fu immersa in un sonno profondo e, al suo risveglio, la fanciulla si rese conto di aver perso l’immortalità e di esser diventata una donna normale.

Per le ragazze il tatuaggio della Valchiria è una sorta di talismano, a contraddistinguere la loro forza spirituale e la loro personalità.

Se vi piace l’idea di avere un tatuaggio delle Valchirie sulla propria pelle, di seguito trovate una bella fotogallery tutta da guardare, e dalla quale poter prendere la giusta ispirazione!