I baffi sono uno dei segni più visibili di un uomo. Tanto che, in fondo, alcuni dei personaggi più noti nella storia del cinema sono diventati famosi proprio quando indossavano dei baffi, come Tom Selleck o Eddie Murphy. E che dire di alcuni uomini noti in altre discipline, come lo scienziato Albert Einstein?

Ebbene, in questo post odierno cercheremo di parlare in modo chiaro del simbolismo del tatuaggio dei baffi e di cosa potrebbe significare per chi lo indossa.

Scoprirete in questo modo che non sembra il tatuaggio dei baffi è associato a ciò che si potrebbe pensare, e proprio per questo motivo parleremo di alcuni esempi che potreste valutare. Ma cominciamo con un po’ di storia!

Storia dei baffi

Non molti elementi di stile sono entrati e usciti di moda con la stessa frequenza dei baffi. In alcuni periodi storici i baffi erano una sorta di must, in altri invece erano qualcosa da evitare.

In linea di massima, però, l’amore per i baffi può esser fatto risalire al Medioevo, quando i cavalieri dell’epoca si ornavano con dei generosi baffi. Lo stesso Edoardo, Principe di Galles, ha un’effigie sulla sua tomba che mostrava la sua armatura che copriva collo e viso, ma lasciando che i baffi fluissero liberamente sopra la cima.

Forse, geograficamente, sono proprio i britannici coloro che possiamo ringraziare per aver reso i baffi una dichiarazione distintiva di moda e di stile. Re Giacomo I è salito al trono con dei baffi fantastici, di cui era molto orgoglioso. Ben presto, molti altri personaggi di spicco della nobiltà europea seguirono le stesse impronte.

Significato del tatuaggio dei baffi

Il tatuaggio dei baffi ha una forte componente  simbolica, e molto di questo simbolismo può essere legato alla religione e a come le altre culture vedono i baffi.

Si dice che nel cristianesimo, per esempio, i baffi fossero il marchio della bestia e che possano dunque essere utilizzati per rappresentare cose associate al diavolo. Di solito i baffi sono dunque associati a qualche tipo di forza malvagia. Questo non significa che dovreste radervi i baffi prima di andare in Chiesa, ma… forse in alcuni posti non sarebbe una cattiva idea!

Il tatuaggio dei baffi può anche simboleggiare la virilità di un uomo, soprattutto nella cultura indiana. I problemi con i baffi qui si sono verificati principalmente durante il Raj britannico, quando i soldati indiani vedevano nella mancanza di baffi e di peli facciali dei loro ufficiali britannici un segno di debolezza, con conseguente mancanza di rispetto. Questo portò gli ufficiali britannici a farsi crescere i baffi, come era d’uso in India, per contribuire a rafforzare la loro autorità agli occhi dei loro soldati indiani.

In molti Paesi arabi, i baffi sono poi associati alla forza e al potere, mentre le barbe sono associate all’Islam tradizionale.

Insomma, nel complesso i baffi rappresentano un vasto ventaglio di simboli, di forza, di potere e di virilità. Ma come tatuarseli?

Le varianti del tatuaggio dei baffi

Quella dei baffi è un’immagine piuttosto chiara e diretta, ma è pur sempre possibile tatuarseli in tanti modi diversi.

Per esempio, uno degli stili più gettonati è quello del tatuaggio dei baffi sul dito, una delle scelte maggiormente diffuse. Si tratta di un tatuaggio molto divertente, perché si può indossare solo su un dito, ponendolo poi sotto il labbro per esporre il tatuaggio e dando così l’aspetto di avere i baffi.

Di norma questo tatuaggio sembra essere usato più per il suo valore comico che come simbolo di mascolinità.

Anche il tatuaggio dei baffi a manubrio è una versione popolare del tattoo con i baffi. È uno stile caratterizzato dalle estremità che si estendono fuori, arricciandosi come i manubri di una bicicletta. Richiama generalmente alla mente una personalità piuttosto distintiva, che potrebbe essere il caso di mostrare… anche sulla pelle!