Dopo settimane di distanziamento sociale a causa della pandemia da coronavirus, molti di noi hanno probabilmente dato qualche segnale di “noia”. Ma nessuno ha sicuramente raggiunto il livello di “reazione” di Chris Woodhead, un 33enne dell’East London, che si è fatto un tatuaggio per ogni giorno che è stato in quarantena. Da lunedì, l’artista è al suo 49° giorno di tatuaggio, e non ha intenzione di fermarsi.

L’idea di tatuarmi ogni giorno attraverso l’isolamento è nata in modo del tutto naturale“, ha detto Woodhead alla CNN. “Ho pensato che sarebbe stato un buon modo per implementare una certa struttura nella mia giornata, ora che non posso tatuare dallo studio”. Woodhead non è infatti “estraneo” al mondo dei tatuaggi, considerato che lavora in uno studio a Londra dove ha imparato l’arte facendosi ben 100 tatuaggi prima di tatuare il suo primo cliente!

Prima della sua decisione di trasformare la sua passione in una distrazione, il corpo di Woodhead era già coperto da quasi 1.000 tatuaggi. Dunque – per citare le parole dello stesso giovane – altri 100 tatuagginon faranno la differenza“. Anche perché Woodhead ha già dichiarato che è sua intenzione quella di continuare ad andare avanti finché non sarà in grado di tornare nel suo studio, indipendentemente da quanto tempo ci vorrà.

Tuttavia, Woodhead ha anche calcolato che ha circa un mese prima di esaurire lo spazio facilmente disponibile sul suo corpo. Quando ciò accadrà, però, l’artista ha affermato di voler disegnare tanti piccoli tattoo che si inseriscano nei minuscoli spazi che possono sovrapporsi a design esistenti.

Finora, Woodhead si tatua il corpo contorcendosi senza nemmeno bisogno di uno specchio. Mentre alcuni punti erano più facili da tatuare rispetto ad altri, la parte posteriore delle gambe e i gomiti erano sicuramente i più difficili. Non solo: tra le tante sfide affrontate da Woodhead c’è anche il trovare ogni giorno idee creative: un virus, una farfalla, una tigre, un clown e una sirena sono state solamente alcune delle sue realizzazioni.

Mi ha sicuramente aiutato a superare l’interminabile quotidianità. È davvero noioso essere bloccati a casa, e senza quel processo creativo mi sentirei piuttosto smarrito“, ha detto Woodhead. “Inoltre, sono stato in grado di giocare con diverse tecniche che potenzialmente non sarei in grado di provare su altre persone, quindi sto progredendo nella mia abilità, il che è davvero bello”.

Oltre a praticare come tatuare piccoli disegni, che sono più difficili, l’artista sta anche imparando di più sul processo di guarigione. Woodhead ha detto che non incoraggia nessuno che non sia un tatuatore professionista a provarlo a casa sua. Sebbene tatuarsi da solo l’ha aiutato a rimanere a terra mentre la pandemia gli cambia la vita intorno, Woodhead ha detto che il processo è molto più di una semplice distrazione. “Il tatuaggio non è un hobby per me o per qualsiasi altro tatuatore. È una parte enorme di me. Il corpo umano è una tela incredibile con cui giocare, e lo spazio è infinito”.